Il progetto intende consolidare e approfondire il Percorso verso l’Autonomia che vuole essere un percorso mirato allo sviluppo, potenziamento e consolidamento di competenze per l’autonomia personale, cognitiva, emotiva e socio-relazionale di giovani adulti con disabilità.

Finanziatori
SIMETICA

Finalità

Rendere possibile un inserimento lavorativo a una giovane laureata, e alcuni inserimenti sociali, con borsa di studio, ad alcuni ragazzi disabili.

Obiettivi

Il consolidamento del “Percorso verso l’Autonomia” sperimentato come proposta concreta, innovativa e di evidente efficacia come preparazione propedeutica, anche se parziale, verso il “dopo di noi”.

  • La speranza è che possa convertirsi in un proposta continuativa, non più legata a singoli progetti ma come offerta territoriale a tutti i giovani adulti con disabilità del Biellese.
  • L’accompagnamento (inteso come supporto, sostegno, sollievo) delle famiglie dei giovani con disabilità intellettiva, in modo che esse possano ripristinare l’equilibrio familiare e la possibilità di “ripensare serenamente” la necessità di preparare il dopo di noi, in maniera coesa, serena ma completa.
  • La promozione di un cambiamento culturale sul territorio. Nello specifico, si fa sempre più chiara la necessità di un lavoro che porti il territorio a riconoscere la persona con disabilità come persona che ha pari diritti e pari doveri, pensieri e sentimenti ma in particolare come persona che “appartiene al territorio” e quindi, da esso riconosciuta.

Azioni

  • L’inserimento lavorativo mediante la “borsa di lavoro volontario” di alcuni ragazzi del Dopo di Noi.
  • Assunzione con contratto di collaborazione professionale una giovane neolaureata del Corso di Laurea in Servizio Sociale dell’Università di Torino, Facoltà di Scienze Politiche, Sede di Biella, per la durata di 12 mesi.
  • Spazi di riflessione e mentalizzazione.

Durata
12 mesi, da gennaio 2011 a dicembre 2011.

Guarda la fotografie del progetto
INSERIMENTO LAVORATIVO INTEGRATO

PRIMA FASE

I primi passi verso l’autodeterminazione e lo sviluppo di competenze e capacità della vita adulta.

SECONDA FASE

Far emergere le competenze relazionali e passare da una autonomia di base ad una autonomia di gestione.

TERZA FASE

Sviluppare il progetto di vita e arrivare, oltre all’autonomia, a un proprio “percorso di vita” per la nuova identità della persona con disabilità.

QUARTA FASE

Promuovere la “vita indipendente” mediante lo sviluppo di soluzioni abitative protette come concreta risposta al “dopo di noi”.